contattaci: cigarblog1@gmail.com
il contenuto del blog è rivolto a fumatori maggiorenni e consapevoli, che vogliono condividere la cultura legata al mondo del sigaro, non si vuole in alcun modo promuovere l'uso di tabacco. Si ricorda che in ogni sua forma, IL FUMO NUOCE GRAVEMENTE ALLA SALUTE

30 agosto 2016

Sigari dei paesi "minori": Messico

Il Messico viene ritenuto la "culla" del tabacco, la zona in cui le prime piante di nicotiana hanno iniziato ad essere selezionate e coltivate dall'uomo in epoca precolombiana. Ed anche per quanto riguarda la produzione di sigari, la sua storia è abbastanza lunga. Si producono infatti puros messicani sin dalla prima metà del 1800. Pur senza aver mai raggiunto picchi qualitativi da top 10 mondiale, alcuni dei prodotti messicani si difendono nella fascia media di qualità con prezzi in alcuni casi competitivi. Va anche sottolineato come, diversi sigari messicani siano "puri", ovvero costituiti al 100% da foglie autoctone, da tempi ben più lunghi rispetto ad altri paesi che oggi sono nel gotha mondiale del sigaro. Le foglie messicane vengono poi usate anche in sigari premium di altri paesi, sia per conferire corpo e rusticità alla tripa, sia come foglie da fascia, soprattutto per sigari scuri nella fascia media di mercato. Le zone produttive si concentrano maggiormente nello stato di Veracruz, le coltivazioni migliori sono nella zona di San Andreas, in cui si coltivano anche foglie da fascia di pregio, che vengono esportate ed utulizzate in marchi prestigiosi dei grandi paesi produttori.
I sigari testati per questo articolo, alcuni dei quali

26 agosto 2016

Presto un marchio Costaricano anche in Italia


Nelle mie fumate esplorative, sto degustando anche sigari del Costarica, e mi sono imbattuto in un marchio che a breve avremo anche in Italia, per questo vale la pena spendere due parole in più, rispetto alla considerazione generale sul paese, il cui post uscirà a breve. Mentre le altre sono fumate puramente esplorative per individuare i tratti salienti della produzione di paesi minori, nel caso del marchio Brun del Rè,  parliamo di prodotti già registrati a monopolio (in origine da BLS, poi passati di mano ed ora in capo alla CTS), che vedremo probabilmente da questo autunno sugli scaffali delle tabaccherie.
Nei miei test ho provato diverse linee, tra cui la Don Corazza e la Limitada 1638 che non saranno importate in Italia, almeno per il momento. Ho fumato invece 4 sigari delle linee che saranno a breve in tabaccheria: Il Torpedo Inmenso ed il robusto della linea gold, il Robusto della linea Colonial ed il Torpedo della linea Premium di cui sarà importato però, in un primo momento, solo il robusto.

La scelta di importare le versioni "inmenso" della linea Gold, che al contrario del nome, è costituita da sigari

25 agosto 2016

Raccolte fondi per il terremoto in Centro Italia

Cari amici aficionados, a seguito della tragedia che ha colpito il centro italia, il mondo del fumo lento italiano ha messo in piedi una serie di iniziative per la raccolta di fondi, per aiutare le popolazioni terremotate.
In particolare, AIC sta raccogliendo fondi tramite le pagine Facebook del Cigar Club Apuano, e del Cigar Club Bergamo, e la Cigar Club Association ha aperto sul proprio forum un post con le informazioni per versare un contributo.
Contribuite numerosi, non importa quale sia l'iniziativa a cui aderite, rinunciate anche solo a 1, 2 ... 10 ... 100 sigari, insomma, quello che potete, ma fate sentire che il nostro mondo è unito e compatto di fronte a questi drammi.
Se avete altre iniziative da segnalarci saremo felici di condividerle assieme a quelle che abbiamo già linkato. 

CC APUANO Gruppo Facebook  
CC BERGAMO Pagina Facebook
CCA Forum




14 agosto 2016

I 90 anni di Fidel ed il sigaro dei record!

Un sigaro lungo 90 metri per i 90 anni di Fidel Castro. L'opera di Cueto, uno dei torceadores cubani più noti, regalo d'eccezione per il compleanno del Lider Maximo, è stato completato ieri, dopo dieci
giorni di lavoro interminabili, con turni persino di 12 ore - giusto in tempo per la grande data, che cadeva ieri 13 Agosto.

"E' lungo 90 metri, per commemorare i 90 anni del nostro comandante", ha confermato Jose Castelar Cairo in arte "Cueto", l'artigiano che ha intrapreso l'opera assistito da un team di rollatori di Habanos, anche con l'obiettivo di battere - di nuovo, per la sesta volta - l'ambito record, già da lui detenuto, del sigaro più lungo del mondo. I 'cubani' fanno parte dell'immagine iconica di Fidel e la foto del giovane Castro in tenuta militare, con il sigaro in bocca, resta nella storia. E se il comandante non fuma più da anni. Ma un sigaro da 90 metri è comunque un regalo degno di nota per ricordare un traguardo tanto importante.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...